WEEK-END EUROCHOCOLATE DI PERUGIA 2020; RASIGLIA, ASSISI & SANTA MARIA DEGLI ANGELI

WEEK-END EUROCHOCOLATE DI PERUGIA 2020; RASIGLIA, ASSISI & SANTA MARIA DEGLI ANGELI

190,00

WEEK-END EUROCHOCOLATE DI PERUGIA 2020; RASIGLIA, ASSISI & SANTA MARIA DEGLI ANGELI

100,00190,00

24-25 Ottobre 2020
Partenze del Venerdì 23 Ottobre:
*San Michele Salentino 22.30 
*Francavilla Fontana 22.45
*Grottaglie 23.00
*San Giorgio 23.15

*Taranto 23.30
*Massafra 23.50
*San Basilio-Mottola 00.10
*Bari 00.30
*Andria 00.50
24/10

– Arrivo in mattinata e sosta per una passeggiata nel meraviglioso borgo di Rasiglia definita la “Piccola Venezia Umbra”;
– In seguito visita della vicina Santa Maria degli Angeli;
– Attorno alle 12.00 spostamento ad Assisi per pranzo libero a sacco o in ristorante;
– Nel primo pomeriggio incontro con la guida per ammirare assieme le bellezze della cittadina;
– Alle 17.30 spostamento con il bus per raggiungere l’hotel 4* situato a Perugia;
– Cena e serata libera. Pernottamento.
24/10
– Al mattino colazione e attorno alle ore 09.30 rilascio delle stanze;
– Partenza in bus per raggiungere l’Eurochocolate a Perugia;
– Giornata completamente libera tra le vie della meravigliosa cittadina ricca di golosi stand presenti per l’occasione;
– Pranzo libero;
– Attorno alle ore 17.30 partenza per il rientro che avverrà in tarda serata.

La quota comprende:
Bus a/r
Visita libera di Rasiglia,
Visita con guida di Santa Maria degli Angeli e Assisi,
1 Notte in hotel in mezza pensione (bevande escluse),
Assicurazione medico/bagaglio.
La quota non comprende:
Pranzi,
Bevande,
Tassa di soggiorno (€2),
Assicurazione annullamento (€15);
Tutto ciò non menzionato nella quota comprende.

NB: La quota si intende a persona su base doppia. Eventuali camere multiple o singole sono soggette a riconferma con eventuali riduzioni o supplementi.

🧪Covid-19: è richiesto l’uso di mascherina a bordo;
📲Gli orari possono subire piccole modifiche da parte dell’ organizzazione, pertanto i partecipanti riceveranno un messaggio pre partenza a conferma dello stesso;
👜Sul bus potrai portare una borsa e/o zainetto delle dimensioni 30x20x20 cm;
🍿🥤Non si possono consumare a bordo generi alimentari, ogni tour garantisce soste per poter soddisfare qualsiasi tipo di esigenza dei partecipanti.

Svuota
Quantità
COD: N/A Categorie: , Tag: Categoria icon ,

Assisi: La città di San Francesco ha una storia millenaria con importanti testimonianze romane, medievali e rinascimentali. Il cantiere di Giotto ha segnato l’arte di tutto il centro Italia.
Situata nella parte centro-orientale dell’Umbria, Assisi è adagiata sulle pendici del Monte Subasio e domina la pianura solcata dai fiumi Topino e Chiascio, affluenti del Tevere.
La città, che ha dato i natali a san Francesco e santa Chiara, si è imposta all’attenzione mondiale come centro universale del messaggio francescano di pace e fratellanza.
Costruita con la tipica “pietra rosata” del Subasio, Assisi vive e fa vivere a tutti i visitatori l’atmosfera di profonda spiritualità dei luoghi che la storia e la fede dei suoi Santi rendono unici nel mondo.

STORIA

Agli Umbri, che fondarono Assisi, subentrarono gli Etruschi. Nel I secolo a. C. la città divenne un importante municipio romano. Nel 545 d.C. venne assalita e distrutta dai Goti di Totila, ai quali subentrarono i Longobardi che la inclusero nei territori del Ducato di Spoleto. Nel XII secolo acquistò i privilegi di libero Comune, ma la sua indipendenza non durò a lungo: l’instabilità politica e militare continuò fino al XVI secolo quando, dopo varie dominazioni (Papato, Visconti, Braccio Fortebraccio e Francesco Sforza), Assisi entrò a far parte dello Stato Pontificio sotto il cui dominio, salvo la parentesi napoleonica, rimase fino al 1860 con la nascita dello Stato Italiano.

ARTE, CULTURA, AMBIENTE

Assisi, con il suo centro storico, la basilica di San Francesco e gli altri siti francescani, unitamente alla quasi totalità del territorio comunale, sono stati dichiarati nel 2000 Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco.
Tra i numerosi monumenti che rendono Assisi una delle mete turistiche artisticamente più ricche, spiccano la basilica di San Francescocon la tomba del Santo e i capolavori di alcuni tra i maggiori artisti di tutti i tempi quali Cimabue, Giotto, Pietro Lorenzetti e Simone Martini, la basilica di Santa Chiara e la romanica cattedrale di San Rufino.
Sulla piazza del Comune si trovano il palazzo dei Priori, il duecentesco palazzo del Capitano del Popolo con la torre Civica e il cosiddetto tempio di Minerva, l’edificio romano più conservato dell’intera regione, realizzato tra il 40 e 30 a.C.

Appena fuori le mura, a dominare la città c’è la superba rocca Maggiore, ricostruita nel 1367 dal Cardinale Albornoz su una precedente struttura (1174) di un antico castello feudale.
Nelle immediate vicinanze sono visitabili i luoghi legati alla vita di San Francesco come l’eremo delle Carceri, immerso in un fitto bosco sulle pendici del Subasio, il convento di San Damiano, l’imponente basilica di Santa Maria degli Angeli, costruita tra il 1569 e il 1679 per proteggere la Porziuncola, la piccola chiesa che accolse la prima comunità dei francescani e la cappella del Transito, dove san Francesco morì il 4 ottobre 1226.

RASIGLIA
La piccola Venezia dell’Umbria:
Nell’area della montagna folignate, lungo la strada statale 319 sellanese, a oltre 600 metri di altitudine, si trova Rasiglia, un luogo perso nel tempo.
La sua ragione d’essere è l’acqua. Dalla fragorosa sorgente di Capovena sembra scaturire tutto l’abitato che si dispiega, secondo la disposizione naturale, ad anfiteatro e sorge come borgo necessario alla rocca che, ancora forte del suo antico ruolo, sovrasta con l’alta mole le molte case, strette tra loro in una solidale vicinanza.
Un molino, una gualchiera, alcune case nel borgo erano di proprietà dei Trinci che, sfruttando la preziosa presenza dell’acqua, avevano dato vita a quelle attività che per secoli hanno poi garantito la vita di tutta la comunità. A Rasiglia, dovunque, ogni percorso è scandito dall’acqua.
Il borgo attira ormai tanti turisti che il comune ha dovuto creare in emergenza nuovi parcheggi e servizi igienici. L’impegno dei 50 residenti per fare rinascere la  “piccola Venezia dell’Umbria” dopo i crolli del terremoto del 1997 ha vinto la sfida: i tanti commenti entusiasti sui siti specializzati hanno addirittura spinto il Comune a fare un’ordinanza per disciplinare il traffico in una zona dove, fino a pochi mesi prima, di macchine se ne vedevano passare davvero poche. Potenza del passaparola su web e Rasiglia è diventata una star dei siti di viaggio, per i ruscelli che passano vicino alle case, il verde e la tipica struttura del borgo medievale. Difficile trovare in rete un commento che non ne magnifichi l’atmosfera, così la località è comparsa anche sul sito de la Repubblica, oltre che in numerosi articoli sulla stampa ed in tanti blog di viaggiatori.

Eurochocolate
Eurochocolate 2020: sarà CHOCO DI PAROLE il claim della 27esima edizione

A differenza dagli scorsi anni Eurochocolate non ha atteso la fine della manifestazione per presentare il tema dell’edizione successiva, prevista a Perugia dal 16 al 25 Ottobre 2020. La concomitanza con le elezioni regionali ha infatti dettato una nuova tabella di marcia per l’organizzazione del Festival Internazionale del Cioccolato, che ha scelto Sabato 26 Ottobre per presentare il claim dell’edizione 2020:

Giocare con le parole – dichiara Eugenio Guarducci Presidente di Eurochocolate – appartiene da sempre al nostro Dna, pertanto riusciremo a esprimerci nel migliore dei modi intrecciando il mondo del cacao e del cioccolato con quello del gioco, ma non solo. Sapremo affrontare quindi con la giusta dose di creatività l’eredità che ci ha lasciato il nostro amato #attaccabottone”.

Ed il primo #chocodiparole non poteva che essere dedicato proprio allo svolgimento dell’imminente tornata elettorale, con l’iniziativa – già annunciata durante la conferenza stampa di apertura – del Choco Exit Poll. Ecco quindi nascere, proprio accanto al grande portone d’ingresso di Palazzo Donini, sede della Giunta Regionale, una scenografia appositamente ideata per seguire l’andamento del voto, a partire dalle ore 23.00 di Domenica 27 Ottobre, con i primi attesissimi dati degli exit poll.

La grande insegna “La Posta in Choco” è quindi il primo choco di parole che ha introdotto le tre bilance, dedicate ognuna ai diversi istituti di sondaggio abbinati alle principali emittenti televisive che hanno seguito lo spoglio elettorale in Umbria. Sui due piatti delle bilance sono state collocate delle mini tavolette di cioccolato il cui numero faceva progressivamente riferimento alle percentuali indicate per i primi due candidati a Presidente della Regione Umbria, compresi quelli delle prime proiezioni.

0

Torna Sopra

X